COME GESTIRE LA SEPARAZIONE DELLA COPPIA SE CI SONO I BAMBINI

COME GESTIRE LA SEPARAZIONE DELLA COPPIA SE CI SONO I BAMBINI

coppia separata

Affrontare una separazione o un divorzio, non è mai facile, anche nei casi in cui questa è una scelta condivisa, e lo è ancora meno quando ‘nel mezzo’ ci sono dei bambini.

In questo caso, i genitori devono prestare particolare attenzione nel gestire i diversi sentimenti, spesso contrastanti, che la separazione comporta. Infatti, è solo in questo modo che sarà possibile far capire ai propri figli che nonostante la separazione di coppia, il legame  con loro resta, ed è ben saldo.

L’amore per i figli è sempre l’unico vero modo per far funzionare un divorzio e aiutarli ad affrontare nella maniera più positiva e serena possibile un evento che resta comunque difficile e da capire fino in fondo per un bambino.


I bambini, anche se piccoli, non vanno lasciati all’oscuro sul momento famigliare che si sta vivendo: bisogna invece comunicare con loro e parlare di ciò che sta accadendo, anche se è triste.

Ovviamente le spiegazioni a riguardo devono essere adeguate alla loro età e avere un linguaggio quanto più possibile semplice e chiaro, senza entrare forzatamente nel merito delle circostanze e senza perdersi in tecnicismi vari, specie quando i bambini sono molto piccoli. I figli infatti, non hanno bisogno di essere messi al corrente sugli aspetti legali ad esempio, della separazione, ma di essere rincuorati e rasserenati sulle conseguenze pratiche che quest’ultima avrà nella loro vita quotidiana. In particolare, non devono mai sentirsi responsabili per ciò che sta accadendo: gli adulti hanno il ‘dovere’ di rassicurare i propri figli affinché non possano mai sentirsi in colpa per la scelta dei genitori, e devono capire che saranno sempre amati da entrambi, indipendentemente dallo stare o meno insieme.

E’ importante sapere che ogni bambino reagisce alla notizia della separazione dei propri genitori in modo diverso a seconda dell’età, del proprio carattere e della propria personalità, può apparire una cosa scontata, ma non lo è. Spesso alla tristezza iniziale ad esempio, può seguire un’accesa rabbia o anche una forte apatia che sembra schermare qualsiasi emozione; ad ogni modo, qualunque sia la reazione, va in un certo senso ‘accolta’ e compresa.  E’ bene ricordare comunque, che comprendere non è sinonimo di viziare, né di concedere ai propri figli tutto ciò che vogliono. Sentirsi in colpa inizialmente, è quasi inevitabile, ma questo non deve essere una scusante: i bambini hanno bisogno di limiti, sempre e comunque.

I genitori devono cercare di non lasciarsi guidare dai propri stati d’animo dati dalla rabbia verso l’altro e dai litigi che ne conseguono: il benessere dei figli deve essere sempre prioritario, e anche se una separazione comporta sempre emozioni intense spesso difficili da controllare, bisogna tener presente che i bambini non hanno i mezzi per capire il perché un genitore si comporta in un certo modo e per questo, potrebbero spaventarsi.

Affinché la separazione possa essere davvero ‘serena’ per i più piccoli, nonostante le innegabili difficoltà, è importante che i bambini si sentano liberi di amare allo stesso modo entrambi i genitori, senza che ciò costituisca per l’altro un torto. Mettere un figlio nell’incresciosa situazione del dover scegliere ‘da che parte stare’, è quanto di più sbagliato e ingiusto si possa fare in questi casi. Entrambi i genitori devono anzi essere capaci di mantenere fra loro una relazione cooperativa e rispettosa, in modo da poter continuare a crescere i propri figli nel modo migliore.

 



Condividi: