DEPRESSIONE, ANSIA E PAURE: COME CURARLE CON I FIORI DI BACH


DEPRESSIONE, ANSIA E PAURE: COME CURARLE CON I FIORI DI BACH

Dobbiamo questi rimedi ad un medico e scrittore che nei primi anni del 1900 studio 38 rimedi totalmente naturali composti da fiori con diverse proprieta’.

Precisamente di questi 38 rimedi solo 37 sono estratti da fiori ed uno da un’acqua proveniente dall’Inghilterra nella zona del Galles. Bach ha raggruppato questi 37 fiori in 7 insieme che che corrispondono agli stati emotivi negativi che sono: Ansia o paura, Angoscia, Dubbi, Apprensione, Disinteresse per la Vita, Troppa Sensibilità e Solitudine.

ANSIA O PAURA: Chi soffre di ansia non ha bisogno di molte spiegazioni come chi vive costantemente con le paure, non sempre dovuti a traumi, queste manifestazioni rendono la vita insopportabile a molte persone, l’ansia puo’ causare attacchi di panico che bloccano la ragione e scatenano sensazioni di morte imminente, le paure possono essere di vario genere, dipende dalle esperienze del soggetto in questione.

FIORI PER ANSIA O PAURA: Aspen: per chi vive con le paure ingiustificate Cherry Plum: per chi combatte con lo stress ed ha paura di perdere il controllo delle proprie azioni Mimulus: per chi non è capace di affrontare le paure oggettive Red Chestnut: per chi soffre di iperprotettività ed è sempre ansioso per chi ama Rock Rose: per chi ha sempre paura che succeda qualcosa di brutto.

ANGOSCIA: L’angoscia puo’ essere paragonabile alla mancanza di coraggio di affrontare le situazioni difficili perdendo la stima di se stessi. Fisicamente puo’ portare svenimenti e collassi.

FIORI PER L’ANGOSCIA: Crabb Apple: per chi è perennemente infastidito dallo sporco Elm: per chi ha paura di prendersi delle responsabilità Larch: per chi non si sente all’altezza degli altri ed ha paura di fare errori Oak: per chi non riesce a fermarsi nonostante la stanchezza Pine: per chi si da’ la colpa per tutto e non ha stima di se stesso Sweet Chestnut: per chi non riesce piu’ a sopportare niente willow: per chi trova ingiusto tutto cio’ che gli succede

DUBBI: Chi vive sempre nel dubbio vive veramente male, rischia di non agire quando serve e perde la stima per se stesso perche’ non riesce ad agire

FIORI PER I DUBBI: Cerato: per chi non riesce a seguire il proprio istinto e non si fida Gentian: per chi vive nella depressione e mette in dubbio ogni cosa Gorse: per chi non ha mai speranza o la perde facilmente Hornbean: per chi vive la vita con pesantezza come se non riuscisse ad andare avanti Scleranthus: per chi decidere è una fatica immensa Wild Oat: per chi non riesce a trovare la strada giusta per la sua vita

APPRENSIONE: Quando la preoccupazione ci porta ad agire per il bene degli altri ma non sempre è un bene, puo’ provocare insonnia, allergie e disturbi cardiaci.

FIORI PER L’APPRENSIONE: Beech: per chi non puo’ far a meno di criticare e non tollera gli altri Chicory: per chi si piange sempre addosso ed è egoista Vervain: per chi cerca di convincere gli altri a seguire le proprie idee Vine: per chi pensa di essere superiore, troppo sicuro di se’

DISINTERESSE PER LA VITA: Chi soffre di disinteresse per la vita non vive il presente ma si attacca ai ricordi non rispettando impegni e doveri. Fisicamente puo’ provocare sonnolenza, mancanza di energia e cefalea, nei casi piu’ gravi depressione, ossessione e dissociazione di personalità

FIORI PER DISINTERESSE PER LA VITA: Chestnut bud: non impara dalle esperienze e sbaglia continuamente Clematis: per chi vive fra le nuvole, sogna ad occhi aperti ed è sempre distratto Honeysuckle: per chi non riesce a distaccarsi dal passato Mustard: per chi ha attacchi di depressione senza una spiegazione Olive: per chi non ha energia White Chestnut: per chi ha continuamente la mente piena di pensieri Wild Rose: per chi vive nella rassegnazione e non ha stimoli

TROPPA SENSIBILITA’: Questo stato puo’ essere causato sia da troppo altruismo o da troppo egoismo, due elementi contrapposti ma capaci di scatenare reazioni simili. Fisicamente puo’ scatenare Anoressia o Bulimia, in alcuni casi puo’ creare dipendenze.

FIORI PER LA TROPPA SENSIBILITA’: Agrymony: per chi sembra sempre allegro ma in effetti non lo è Centaury; per chi non riesce mai a dire di no anche se ci rimette Holly: per chi vive logorato dalla gelosia e la vendetta Walnut: per chi è perennemente insicuro

SOLITUDINE: La solitudine è la conseguenza di troppo egocentrismo ed orgoglio, questo porta le persone a non avere relazioni di nessun tipo, fisicamente puo’ causare stress, artrosi ed insonnia

FIORI PER LA SOLITUDINE: Heater: per chi non ama la solitudine e pensa solo a se stesso Impatiens: per chi si irrita facilmente, è sempre nervoso ed impaziente Water Violet: per chi vive di orgoglio ed è molto riservato.
Per sapere quale formula è quella piu’ adatta a noi è bene rivolgersi ad un medico fitoterapico