L’ATTIVITA’ FISICA SALVA LA VITA: ECCO PERCHE’


L’ATTIVITA’ FISICA SALVA LA VITA: ECCO PERCHE’

Muoversi, anche per lavoro dentro o fuori casa, oppure per spostamenti, è il miglior intervento low-cost per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari può essere a costo zero, è alla portata di tutti.

L’attività fisica è un mezzo straordinariamente efficace per migliorare le prospettive di vita. In particolare, muoversi permette di ridurre notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari, statisticamente prima causa di morte al mondo.

A sottolinearlo sono i risultati di una ricerca che ha coinvolto persone in 17 paesi e che ha confrontato i livelli di attività fisica con lo stato di salute.

Registrando nell’arco degli anni i disturbi a carico del cuore e del sistema vascolare, nonché i decessi per infarto, ictus, insufficienza cardiaca.

Il risultato è stato forse poco sorprendente: le persone che si muovono di più rischiano meno di incappare in una delle condizioni sopra citate rispetto alle persone sedentarie.

Ma c’è una novità importante nel lavoro, condotto da un team internazionale di ricercatori e descritto in un articolo apparso sulla rivista The Lancet.

Qua non ci si limita a valutare gli effetti dell’esercizio fisico ricreativo, ovvero dello sport o delle ore in palestra, peculiarità soprattutto di chi vive in paesi ad alto reddito (per la verità di una parte purtroppo ancora limitata della popolazione dei paesi ad alto reddito).

Lo studio PURE ha coinvolto 130.000 partecipanti di paesi ad alto, medio e basso reddito. Ha valutato gli effetti sulla salute delle attività ricreative ma anche delle attività fisiche più comuni per le persone prese a campione, vale a dire il movimento praticato per spostarsi, per lavorare, per tenere in ordine la casa.

I risultati hanno mostrato che l’esercizio fisico, di qualunque tipo, è associato a un più basso rischio di morte e di eventi cardiovascolari gravi.

E questo indipendentemente da età, sesso, condizioni di salute. Anche con un livello minimo di movimento (camminare mezz’ora al giorno per cinque giorni a settimana) si è misurato un beneficio, pari a una riduzione dell’8 per cento del rischio di morte e del 4,6 per cento di infarti e ictus.

Livelli più alti di esercizio (150 minuti al giorno per cinque giorni a settimana) fanno salire di 5 punti percentuali questi dati.

Gli autori concludono che l’attività fisica è approccio low-cost alla salute straordinariamente efficace. E che i dati da loro raccolti devono essere uno stimolo al sostegno di interventi di salute pubblica per aumentare tutte le forme di movimento.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

CAMMINARE RIGENERA IL CERVELLO, ALLEVIA LA TRISTEZZA E LO STRESS

In un commento allo studio, Shifalika Goenka, dell’Indian Institute of Public Health, e I-Min Lee dell’Harvard Medical School hanno osservato: “Le malattie cardiovascolari sono note per i loro effetti devastanti sugli individui e sulle famiglie.

Nei paesi a reddito basso e medio-basso le patologie cardiovascolari spingono la gente oltre la soglia di povertà”. E ancora: “L’attività fisica riduce anche il rischio di diabete e tumori, riduce l’inquinamento dell’aria e fa bene all’ambiente.

È raro trovare un intervento con benefici tanto intensi e di così vasta portata, in così tanti ambiti”.

E a casa nostra che succede? Secondo i dati Istat riferiti al 2015, 4 italiani adulti su 10 non praticano sport neppure nel tempo libero, un terzo non arriva ai famosi trenta minuti al giorno di pratica fisica moderata.

Le donne sembrano più sedentarie degli uomini (44% contro 35%, come si legge fra i resoconti dello studio PASSI) e il dato peggiora con il ridursi di reddito e livello di istruzione.

Preoccupa il trend fra i bambini (dati del progetto OKKIO alla Salute): in età da scuola primaria solo uno su 10 pratica sport in maniera adeguata alla propria età, uno su 4 non farebbe movimento tutti i giorni.

Donatella Barus
Fondazione Umberto Veronesi


HAI TROVATO INTERESSANTE IL NOSTRO ARTICOLO? PROVA A LEGGERE ANCHE:

Facebook Comments

Comments are closed.