LE FARFALLE NELLO STOMACO: E DOPO COSA SUCCEDE? LO SPIEGA UNA RAGAZZA


 LE FARFALLE NELLO STOMACO: E DOPO COSA SUCCEDE? LO SPIEGA UNA RAGAZZA

Ci possiamo innamorare a tutte le eta’, in ogni situazione, all’inizio tutto sembra meraviglioso, e sentiamo le tanto amate farfalle nello stomaco, ma questo non dura per sempre, passa un po’ di tempo e quella sensazione di sconvolgimento piano piano si affievolisce. Cosa succede dopo? Vuol dire che non siamo piu’ innamorati? No, ecco come spiega la cosa questa ragazza su un social…

“Leggo in giro un sacco di post di persone che credono che stare insieme a qualcuno significhi avere le farfalle nello stomaco per sempre, avere le palpitazioni ogni volta che ci si vede, abbracciarsi e stare aggrovigliati tutte le sere e sentirsi così felici da pensare che sarete sempre felici di condividere il letto con qualcuno.

Non è così, perlomeno non per me.

Quando si convive, le farfalle non si sentono più, il cuore non sobbalza più. Al contrario, tutto sembra placarsi.
Quando si sta nella stessa stanza ci si sente calmi e al sicuro. Quando ci si abbraccia si sente il lento battere del cuore e il rassicurante suono del respiri. Non ci si sente più come sulle montagne russe, ci si sente a casa.

Non si dorme più avvinghiati tutte le notti con le gambe talmente aggrovigliate da non poter distinguere le tue dalle sue. Si dorme in modo confortevole, uno accanto all’altra, a volte rivolti dall’altra parte. Ma ogni notte, se ci si fa un po’ più in là, si trova il corpo dell’altro e si può accarezzarne un braccio o i capelli mentre si addormenta.

baci non sono più sempre romantici e passionali. Ma questo non è qualcosa di negativo perché ci saranno i baci freddi dati mentre si mangia un gelato e i baci appiccicosi dati subito dopo la colazione. Ci saranno i bacidel “devo proprio andare, ora” e quelli del “ancora uno!”. Ci saranno i baciassonnati del risveglio, a cui pensi mentre ti prepari ad affrontare una nuova giornata mentre avrai completamente dimenticato il suono della sveglia.
Ci saranno i baci della buonanotte, quelli dati perché “sei così dolce”, quelli strappati perché “ami così tanto gli animali” e quelli del “sono felice di stare con te”. […]

Non ci si scrive più spesso confessioni d’amore perché quanto tieni all’altra persona è qualcosa che è dentro di te, e non si fanno più battute che gli altri non possono cogliere, ma ci si scambia occhiate di divertimento o esasperazione in pubblico, il vostro piccolo mondo contro quello là fuori.

Le relazioni non sono delle fiabe, non ci sono sempre i fuochi d’artificio e le scintille, almeno non dopo qualche tempo.

Esse sono fatte del calmo ritmo e del mormorio dell’amore e delle attenzioni. L’amore non è un falò nell’anima, ma piuttosto un focolare che ci tiene caldi e al sicuro, coccolandoci mentre ci addormentiamo.

E io amo tutto questo”.


HAI TROVATO INTERESSANTE IL NOSTRO ARTICOLO? PROVA A LEGGERE ANCHE:

Facebook Comments

Comments are closed.