PERDONA TE STESSA ( BELLISSIMA DA LEGGERE )

PERDONA TE STESSA ( BELLISSIMA DA LEGGERE )


perdona-te-stessa

Dentro molte donne abita un inquilino abusivo: si tratta di un implacabile critico interiore. Quando queste donne sbagliano, lui si fa subito sentire con il dito puntato:
«Cosa hai fatto?»,
«Perchè hai sbagliato?»,
«Non potevi essere più attenta»,
«Ma cosa sei andata a dire?»,
«E adesso cosa penseranno di te?».
.
Spesso le donne non lo sanno, ma questa convivenza strangola la loro vita. Sono nelle mani di questo critico spietato e quando non rientrano nel suo modello di perfezione si arrabbiano con se stesse.
.
E tante volte odiano i loro sbagli. E odiano se stesse perché hanno sbagliato. Quell’indice puntato ringhia:
«No, non lo dovevi fare»,
«Ma cosa avevi in mente?»,
«Ma non hai ancora imparato?».
.
Gli sbagli diventati sfregi dell’anima, graffi del cuore, calci dell’autostima, ferite che sanguinano sugli abiti della gioia. Sono dei no gridati a se stesse. Che feriscono e impoveriscono la vita interiore, la fertilità creativa, i sogni di amore e di passione. La voce interiore viene imbavagliata e soffocato dalle grida di critica e di rifiuto si se stesse mentre l’anima si ritira impoverita di tanto poco amore.
.
È un’eredità avvelenata quella che portano dentro le donne che si criticano con parole ruvide.
.
Ma c’è una seconda via: si chiama perdono.
Perdono di se stesse. Perdono dei propri sbagli.
Non è subito facile. Le donne spesso sono brave a perdonare gli altri. Ma non lo sono con se stesse. Ma ci si può riuscire.
.
Prendendo per mano la donna che chiede parole buone, affetto incondizionato, sguardo benevolo anche se non è sempre stata perfetta, anche se non è stata la migliore…
.
Cara donna, se pensi che il perdono ti possa essere utile prova a farlo: ripeti il tuo nome con dolcezza, sottovoce, come una carezza e poi ripeti: «Io mi perdono…». Quindi lascia che la tua anima parli e ascolta le sue parole. Ti racconterà tante cose di te…
.
.
Simona Oberhammer – La Via Femminile



Condividi: