SINUSITE: SCONFIGGERLA CON SOLO DUE CUCCHIAI DI ACETO DI MELE, ECCO COME


SINUSITE: SCONFIGGERLA CON SOLO DUE CUCCHIAI DI ACETO DI MELE, ECCO COME

La sinusite è un’infiammazione, acuta o cronica, delle mucose dei seni paranasali, spesso accompagnata da un processo infettivo.

Questo provoca un accumulo di muco all’interno dei seni che diventa il terreno di coltura ideale per la proliferazione di batteri. E’ possibile curarla con dei potenti antibiotici o con dei decongestionanti.

Anche l’aceto di mele, però, rappresenta una grande alternativa.

Il sintomo più tipico della sinusite è il dolore e la sensazione di pressione al volto, in diverse zone a seconda del seno paranasale interessato.

Si possono accompagnare poi i sintomi aspecifici dell’infiammazione o di un’infezione come cefalea, febbre, rinorrea con muco verde-giallastro, tosse grassa, mal di denti.

Come si diceva, l’aceto di mele ha una fortissima azione mucolitica, disinfettante e depurativa.

E’ l’ideale, insomma, per contrastare i sintomi dell’infezione. Per combattere la sinusite con l’aceto di mele, c’è un modo semplice ed estremamente veloce.

Sarà sufficiente versarne circa due cucchiai all’interno di un bicchiere d’acqua e berlo per almeno tre o quattro volte al giorno.

Nel giro di poco più di una settimana sarete già in grado di vedere gli effetti dell’aceto di mele sulla sinusite e la maggior parte del muco sarà stato eliminato.

Alcune persone non hanno riscontrato la ricomparsa della patologia per molti mesi utilizzando esclusivamente questo metodo.

Per chi, invece non avesse la possibilità di stare a casa c’è la possibilità di consumare questo mix dove si vuole.

Basterà unire mezza tazza circa di aceto a due litri d’acqua e bere questa soluzione per almeno quattro volte al giorno.

L’Aceto di miele si ottiene per fermentazione acetica dell’idromele.

Questa, è ritenuta la bevanda alcolica più antica quindi questa ottima cura per la sinusite è una delle bevande più antiche al mondo, tanto è vero che ne facevano uso anche gli Egizi.

centrometeoitaliano.it


HAI TROVATO INTERESSANTE IL NOSTRO ARTICOLO? PROVA A LEGGERE ANCHE:

Facebook Comments

Comments are closed.