SUOCERA CRITICA LA NUORA PER COME PULISCE, IL FIGLIO LE RISPONDE IN MODO ESEMPLARE

SUOCERA CRITICA LA NUORA PER COME PULISCE, IL FIGLIO LE RISPONDE IN MODO ESEMPLARE 

suocera-antipatica

Care suocere sarebbe meglio trattare bene la propria nuora se non si vogliono avere problemi con i figli. Sappiamo benissimo che le suocere sono una categoria particolare e spesso si sentono in competizione con le nuore, ma non giova a nessuno mettere in difficoltà la futura moglie di vostro figlio.

Dietro atteggiamenti di apparente disponibilità, accadono situazioni come quella che raccontiamo. I protagonisti sono Clint e Mel, giovane coppia, con 3 figli.

Come tante coppie cercano di gestire al meglio la giornata, sudddividendosi anche i compiti della casa, spesa, pulizie, ecc…
Come riporta Clint sul suo blog “No Idea What I’m Doing: A Daddy Blog”, un giorno sua madre critica la moglie in merito alla pulizia della casa. Clint rimane spiazzato da questa uscita.

Decide quindi di scrivere una risposta sulla sua pagina Facebook: ” Qualche tempo fa, al telefono con mia madre, resto stupito dalle sue parole: “Non ti dà fastidio – dice – che Mel non pulisca affatto bene? “

Sicuramente aveva notato, è stato il mio primo pensiero, che non sempre la nostra casa è ordinata e pulita alla perfezione.

Ammetto che capitino giorni nei quali, per tanti impegni, non si riesca a fare o seguire tutto, che rimangano vestiti in giro, o semilavorati sul divano. Ho pensato però che la mia idea di matrimonio, non riguarda l’ordine e la pulizia. Non ho sposato Mel per questo!


Così , l’osservazione di mia madre, mi ha fatto capire, senza fargliene una colpa, la differenza tra noi, come generazione, tempi, mentalità.

Lei e mio padre, quasi sempre assente, avevano uno stile di vita molto diverso dal nostro. Mio padre, una volta mi disse : ” Prima di sposare una donna, falle una visita all’improvviso ed osserva come tiene le sue cose”

Credo che la preoccupazione di mia madre su come pulire la mia casa , abbia molto a che fare con le aspettative che esistevano quando lei era giovane. È cresciuta e si è sposata con questi riferimenti.

Ho però immediatamente realizzato che io non ho sposato Mel per questo. Mi piacciono i suoi occhi, il suo sorriso, il modo in cui condividiamo tutti gli aspetti della nostra vita e della nostra famiglia.

E così , un poco bruscamente le ho risposto ” Non ho sposato Mel per avere una casa pulita. L’ho sposata per condividere con lei la mia vita”.

Dopo qualche momento di totale silenzio, lei ha osservato: ” Beh, questo significa che è piu’ importante, allora, dell’avere una casa pulita…”

“Si, – ho risposto – proprio così!”

Pensiamo che la risposta di Clint sia efficace e sacrosanta.



Condividi: