TIROIDE: DEBOLEZZA, SONNO E DEPRESSIONE POSSONO ESSERE I SINTOMI, ECCO LE PATOLOGIE ED I FATTORI A RISCHIO

TIROIDE: DEBOLEZZA, SONNO E DEPRESSIONE POSSONO ESSERE I SINTOMI, ECCO LE PATOLOGIE ED I FATTORI A RISCHIO

La tiroide è una delle cause di molti disturbi che abbiamo, ma spesso non sappiamo che dipende proprio da qualcosa che non va a livello tiroideo, purtroppo i sintomi non facilmente riconducibili a questo problema, un esempio molto semplice è la stanchezza, quante volte ci sentiamo stanchi anche per lunghi periodi di tempo ma non sappiamo il perche’, avere sempre sonno puo’ indicare un problema alla tiroide come anche la depressione.

Le malattie della tiroide solitamente determinano uno squilibrio ormonale. Quando la tiroide produce ormoni in maniera eccessiva si parla di ipertiroidismo, mentre se questa ghiandola produce una quantità insufficiente di ormoni, si parla di ipotiroidismo.

Non possiamo prevenire l’insorgenza delle patologie tiroidee, perché solitamente sono provocate da un disturbo autoimmune, ma ciò che possiamo fare è riconoscere i sintomi e i fattori di rischio. I controlli regolari possono evitare complicazioni gravi.

Scopriamo qualcosa in più su ciascuna di queste patologie.

L’ipertiroidismo si sviluppa quando la tiroide è troppo attiva, e la causa più comune di questa patologia è una malattia autoimmune chiamata morbo di Graves. In questo caso il nostro sistema immunitario attacca la ghiandola tiroidea, che a sua volta inizia a produrre una quantità eccessiva di ormoni.

Alcuni soggetti sono maggiormente a rischio di ipertiroidismo, e il tuo rischio è più elevato se:

— sei donna;

— hai più di sessant’anni;

— hai avuto una gravidanza recente;

— soffri di una malattia autoimmune;

— hai una storia familiare di patologie tiroidee e malattie autoimmuni;

— assumi troppo iodio attraverso i farmaci o gli alimenti;


— hai già avuto problemi alla tiroide.

Se la tiroide non produce ormoni a sufficienza, si sviluppa una malattia di nome ipotiroidismo. In questo caso il nostro metabolismo è più lento e iniziamo a non sentirci bene. La causa più comune dell’ipotiroidismo è un’altra malattia autoimmune chiamata tiroidite di Hashimoto. Bene, non possiamo prevenirla, ma dovremmo prestare più attenzione alla nostra salute, se siamo dei soggetti a rischio.

I fattori di rischio dell’ipotiroidismo includono:

— sesso femminile;

— età inferiore ai sessant’anni;

— esposizione alle radiazioni;

— intervento alla tiroide;

— storia familiare di patologie tiroidee o malattie autoimmuni;

— squilibri ormonali durante la gravidanza e la menopausa o dopo il parto;

— assunzione di litio (solitamente attraverso i farmaci);

— disturbi genetici.

Pertanto se noti alcuni sintomi associati all’ipotiroidismo (per esempio, depressione, intolleranza al freddo, improvvise variazioni di peso) e inoltre presenti dei fattori di rischio, specialmente se hai una storia familiare di disturbi della tiroide, consulta il tuo medico quanto prima possibile.

La prevenzione è molto importante se vuoi evitare conseguenze gravi.

Meglio prevenire che curare!



Condividi: